Contributo ambientale

Il Contributo Ambientale CONAI rappresenta la forma di finanziamento attraverso la quale CONAI ripartisce tra produttori e utilizzatori il costo per gli oneri della raccolta differenziata, per il riciclaggio e per il recupero dei rifiuti di imballaggi. Tali costi, sulla base di quanto previsto dal D.lgs. 152/06, vengono ripartiti “in proporzione alla quantità totale, al peso e alla tipologia del materiale di imballaggio immessi sul mercato nazionale”.

A più di venticinque anni dalla fondazione del Consorzio, il Contributo Ambientale CONAI, stabilito sin dal 1998 per ciascuna tipologia di materiale di imballaggio, non è più unico per materiale.

La finalità è di incentivare l’uso di imballaggi maggiormente riciclabili, collegando il livello contributivo all’impatto ambientale delle fasi di fine vita/nuova vita. CONAI ha scelto di avviare la diversificazione del contributo ambientale a partire dal materiale più complesso per la varietà delle tipologie e per le tecnologie di selezione e di riciclo. In passato erano già state introdotte alcune agevolazioni per gli imballaggi riutilizzabili impiegati all’interno di circuiti controllati e particolarmente virtuosi dal punto di vista ambientale.

Si ricorda che la diversificazione contributiva per gli imballaggi in plastica è entrata in vigore dal 1° gennaio 2018, la diversificazione contributiva per gli imballaggi in carta dal 1° gennaio 2019.

Entità del Contributo Ambientale aggiornato per il 2024:

Materiale/Fasce contributiveDal 1° gennaio 2024Dal 1° aprile 2024
Acciaio5,00 €/t5,00 €/t
Alluminio7,00 €/t12,00 €/t
CartaFascia 1 (Base)35,00 €/t65,00 €/t
Fascia 2 (CPL)55,00 €/t85,00 €/t
Fascia 3 (Compositi tipo C)145,00 €/t175,00 €/t
Fascia 4 (Compositi tipo D)275,00 €/t305,00 €/t
Legno7,00 €/t7,00 €/t
PlasticaFascia A1.120,00 €/t24,00 €/t
Fascia A1.290,00 €/t90,00 €/t
Fascia A2220,00 €/t220,00 €/t
Fascia B1.120,00 €/t224,00 €/t
Fascia B1.220,00 €/t233,00 €/t
Fascia B2.1350,00 €/t441,00 €/t
Fascia B2.2477,00 €/t589,00 €/t
Fascia B2.3555,00 €/t650,00 €/t
Fascia C560,00 €/t655,00 €/t
Plastica
biodegradabile e
compostabile
170,00 €/t130,00 €/t
Vetro15,00 €/t15,00 €/t

Consulta la tabella con le variazioni del Contributo ambientale dal 1998 al 2024: Variazioni_CAC_1998_2024

Le norme consortili prevedono che le somme dovute da tutti i Consorziati, Produttori e Utilizzatori, siano sempre prelevate, sulla base di una specifica indicazione in fattura dell’ammontare dovuto sulla base del peso e della tipologia del materiale di imballaggio oggetto della prima cessione.

Per prima cessione si intende il trasferimento, anche temporaneo e a qualunque titolo, nel territorio nazionale:

  • dell’imballaggio finito effettuato dall’ultimo produttore o commerciante di imballaggi vuoti al primo utilizzatore diverso dal commerciante di imballaggi vuoti;
  • del materiale di imballaggio effettuato da un “produttore di materia prima (o di semilavorati)” ad un “autoproduttore” che gli risulti o si dichiari tale.

Dal 1˚ gennaio 2019, per effetto di alcune modifiche di Statuto e Regolamento consortili, la “prima cessione” comprende anche il trasferimento degli imballaggi dall’ultimo commerciante di imballaggi vuoti al primo effettivo utilizzatore (vale a dire il soggetto che acquista/riceve l’imballaggio per confezionare le proprie merci), spostando quindi il punto di prelievo del Contributo ambientale CONAI.

Per agevolare i commercianti di imballaggi vuoti che gestiscono flussi di imballaggi non rilevanti in termini di peso, definiti “piccoli commercianti”, CONAI ha introdotto una procedura agevolata sempre con decorrenza dal 1˚ gennaio 2019. Tale procedura è stata aggiornata, introducendo un’ulteriore agevolazione (con decorrenza dal 1° gennaio 2024) per i “piccoli commercianti” che acquistano imballaggi vuoti all’estero. Consulta la Circolare CONAI del 29.11.2018 aggiornata.

Inoltre le norme consortili prevedono che i materiali di imballaggio e gli imballaggi importati dall’estero siano soggetti al Contributo Ambientale in quanto il loro utilizzo darà luogo a rifiuti sul territorio nazionale.

Aspetti fiscali

Il Contributo Ambientale CONAI esposto in fattura va considerato corrispettivo di una prestazione accessoria ai sensi degli articoli 12 e 13 del Dpr 633/1972 e come tale:

  • rientra nel campo di applicazione IVA;
  • va valutato ai fini della fatturazione elettronica obbligatoria, introdotta dall’art. 1, commi 909 e ss., della legge 27 dicembre 2017 n. 205.

Per approfondire clicca qui: Aspetti_fiscali

Per tutti gli approfondimenti consultare la Guida al Contributo Ambientale 2024 con gli adempimenti, le procedure, gli schemi esemplificativi e la modulistica di riferimento.

E’ possibile consultare anche un documento di sintesi (Abstract) della Guida: Guida al Contributo Ambientale 2024 – Abstract