Al via l’accordo quadro, porterà fino al 2019. “Migliora la raccolta e più soldi ai Comuni”

14 aprile 2014
cpt-parlano-di-noi  |  Tutti gli articoli

Maggiore qualità della raccolta differenziata, aumento delle risorse per i Comuni e sostegno a iniziative per diffondere consapevolezza sul riciclo: punta a un rafforzamento dell’efficienza, efficacia, economicità e trasparenza della gestione della raccolta differenziata il nuovo accorso raggiunto tra Anci e Conai per il prossimo quinquennio. Dopo un anno di trattative, l’Associazione nazionale dei comuni italiani ed il Consorzio nazionale imballaggi, costituito da un milione di aziende produttrici e utilizzatrici di imballaggi, hanno definito un’intesa per la sottoscrizione dell’Accordo di programma quadro che regolerà fino al 2019 l’entità dei corrispettivi da riconoscere ai Comuni convenzionati per i “maggiori oneri” della raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio. Conai opera per conto dei propri consorziati, che secondo la normativa in vigore sono responsabili del recupero e del riciclo, conferendo i rifiuti raccolti e ritirati dai Comuni ai riciclatori e sostenendone i costi di trasporto; versa inoltre ai Comuni gli oneri aggiuntivi sostenuti per la raccolta differenziata. (…) L’accordo rafforza inoltre il sostegno alle amministrazioni locali, aumentando l’impegno di Conai per le iniziative di sviluppo qualitativo e quantitativo della raccolta differenziata. “Abbiamo preso impegni finanziari precisi, per sostenere i Comuni del Centro-Sud nei progetti di sviluppo della raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio” spiega De Santis. Fonte: Corriere Economia