Sicilia: a Sutera la differenziata cresce e fa diminuire le bollette dei rifiuti

4 agosto 2015
cpt-notizie  |  Sicilia

L’incremento registrato nel tasso di raccolta differenziata non è dovuto a un errore degli uffici, ma degli effetti positivi del sistema di premialità previsto dall’amministrazione dall’Ato Cl1 in Sicilia per gli utenti che effettuano la raccolta differenziata attraverso la metodologia “porta a porta”. Un gruppo crescente di persone che hanno correttamente separato i propri rifiuti domestici, ottenendo sgravi tali da raggiungere il saldo negativo. Nel corso dei sei mesi in cui il servizio è stato attivo, a Sutera (Caltanissetta) la raccolta differenziata è stata regolarmente effettuata dal 91,3% dei cittadini. Il sistema di premialità ha assegnato loro i consistenti sgravi in bolletta, che erano stati previsti nel bilancio comunale.

Per l’amministrazione municipale “è una grande soddisfazione”, sorride Nino Pardi, assessore all’Ambiente. “Siamo fieri di essere tra i primi in Sicilia a poter dare uno sgravio in bolletta, grazie all’applicazione della metodologia uno@uno. Abbiamo creduto in questo metodo, lo abbiamo inserito nel regolamento Tari e lo abbiamo riproposto per il 2015. Ai cittadini va il nostro ringraziamento per aver compreso che la raccolta differenziata è fondamentale per l’abbassamento dei costi, oltre che essere un obbligo di legge.”

Il Comune di Sutera, infatti, è passato da una percentuale di raccolta differenziata del 5,40% a poco meno del 20% nell’ultimo trimestre del 2014 per la sola frazione secca, anche se l’assenza di impianti di compostaggio rende indispensabile il conferimento in discarica della frazione organica. I rifiuti indifferenziati sono passati da 601 tonnellate del 2013 a sole 492 tonnellate del 2014 con un risparmio evidente.