Legambiente e Corepla puntano su “Imballaggi in plastica zero in discarica al 2020”

17 aprile 2015
notizie  |  plastica, raccolta differenziata

Definire una strategia nazionale per garantire l’aumento della quantità e della qualità della raccolta differenziata degli imballaggi in plastica e la massimizzazione del loro riciclo, anche grazie all’implementazione di politiche di prevenzione. È la proposta di Legambiente e Corepla presentata e discussa nei giorni scorsi a Roma con i principali soggetti istituzionali e operatori del settore nell’ambito del convegno “Un cluster d’eccellenza nazionale: il riciclo della plastica, cui sono intervenuti tra gli altri Giorgio Quagliuolo, presidente Corepla, Vittorio Cogliati Dezza, presidente Legambiente, Giuseppe Marinello, presidente Commissione Territorio, Ambiente e Beni Ambientali del Senato della Repubblica, Ermete Realacci, presidente Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera dei deputati.  “La nostra proposta – dice il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza – punta a incentivare politiche di riduzione e riciclaggio. Un cambio di passo necessario per superare al più presto le troppe emergenze legate all’uso della discarica, che rappresenta anche una concreta possibilità per uscire dalla crisi. Oggi siamo entrati in una seconda fase della green economy, perché in tanti campi si è già spostato il mercato ed è evidente come oggi vi sia spazio solo per chi punta su innovazione e qualità ambientale”.

“I numeri di Corepla sono lusinghieri – dichiara il presidente di Corepla Giorgio Quagliuolo – ma desideriamo migliorarci ancora, innalzando gli obiettivi di raccolta ed esplorando ulteriori opportunità di riciclo e recupero, individuando nuove applicazioni e sbocchi di mercato per il materiale riciclato. Vogliamo contribuire sempre più alla creazione di una economia circolare efficiente e sostenibile, che è una delle priorità a livello europeo e lo è ancor di più in un paese come l’Italia, povero di materie prime ma ricco di ingegno. L’obiettivo ‘zero discarica nel 2020’ potrà essere raggiunto anche liberando risorse economiche oggi impegnate ad avviare a recupero energetico gli imballaggi in plastica difficili da riciclare, risorse che il consorzio potrebbe destinare ad iniziative volte all’incremento degli indici di riciclo”.

Gli obiettivi messi in evidenza nel corso della mattinata di lavoro sono stati illustrati anche alla luce dei numeri sull’andamento del riciclo della plastica raccolti da Corepla, un bilancio in crescita nonostante la crisi. Nel 2014 sono, infatti, aumentati raccolta e riciclo, nonostante la diminuzione dell’immesso al consumo e l’andamento recessivo dell’economia italiana. I 7.306 Comuni attivi nel servizio di raccolta differenziata degli imballaggi in plastica hanno fatto registrare un +8% rispetto al 2013, con oltre 830.000 tonnellate di imballaggi in plastica raccolte. Un primato notevole sia per il comparto che per i 7.306 Comuni che hanno avviato il servizio di raccolta, da attribuirsi soprattutto a due fattori: il decollo della raccolta in zone storicamente difficili come il Mezzogiorno e l’ulteriore aumento anche tra “i primi della classe” (ad esempio, il Veneto è passato da 20 a 21 kg circa per abitante). Il dato medio nazionale di raccolta pro capite è passato così da 12,9 a 13,9 kg annui per abitante. Nel 2014 sono stati 234 i milioni di euro riconosciuti dal Consorzio ai Comuni o ai loro operatori delegati, a copertura dei maggiori oneri sostenuti per l’effettuazione dei servizi di raccolta differenziata degli imballaggi in plastica. Sono 450.000 le tonnellate di rifiuti di imballaggio in plastica provenienti dalla raccolta differenziata riciclate nel 2014. A questa cifra vanno aggiunti i quantitativi di imballaggi in plastica riciclati da operatori industriali indipendenti provenienti dalle attività commerciali e industriali pari a 360.000 tonnellate, per un riciclo complessivo di circa 790.000 tonnellate. Una crescita per l’intero settore, che vede coinvolte 300 imprese ed oltre 2.000 lavoratori. Sono stati recuperati anche quegli imballaggi che ancora faticano a trovare sbocchi industriali verso il riciclo meccanico e il mercato delle plastiche riciclate. Circa 349.000 tonnellate sono state utilizzate come materie prime energetiche al posto di combustibili fossili.