Iniziativa a favore dei Comuni colpiti da terremoto

8 settembre 2016
notizie  |  Anci, Centro Italia, Comieco, terremoto

Differenziare più carta e cartone per aiutare i Comuni colpiti dal terremoto

Comieco invita gli italiani a raccogliere di più e meglio carta e cartone: ogni 100 kg raccolti in più nel mese di settembre il Consorzio destinerà 7 euro ai Comuni vittime del sisma.

Raccogliere più carta e cartone per aiutare i Comuni colpiti dal terremoto nel Centro Italia.

Questo l’invito di Comieco in collaborazione con Anci eConai, rivolto a tutte le famiglie italiane per contribuire alla ricostruzione dei paesi vittime del sisma del 24 agosto scorso.

Il gesto che viene chiesto agli italiani è semplice perché la raccolta differenziata è ormai entrata a far parte delle abitudini quotidiani consolidate: ogni cittadino, nel mese di settembre, dovrà solo aumentare l’impegno nel separare correttamente giornali, scatole, imballaggi di cartone. Seguendo i semplici consigli di Comieco e le regole sulla raccolta differenziata nel proprio Comune, si può ottenere 1 kg di carta pronta per il riciclo differenziando, per esempio, due scatole di pasta, un giornale, un portauova, due sacchetti e uno scatolone di cartone. Quello che, da 8 italiani su 10*, è considerato un grande gesto di senso civico, oggi si trasforma in un atto di solidarietà.

La strada verso la normalità dei Comuni colpiti dal terremoto è ancora lunga e Comieco vuole sostenere questa parte d’ Italia che sta vivendo in situazione di emergenza. La carta e il cartone che tutte le famiglie italiane raccoglieranno in più nel mese di settembre, rispetto al settembre 2015, verranno valorizzati economicamente e si trasformeranno in aiuto concreto: circa 7 euro per 100 kg di carta raccolta in più che Comieco verserà ai Comuni coinvolti dal sisma.

Filippo Bernocchi, delegato Anci alle politiche per la gestione dei rifiuti e all’energia, ha commentato“Siamo molto contenti per questo tipo di iniziativa, si rafforza così la collaborazione fra Anci e il sistema dei Consorzi in un momento così difficile per i nostri territori”.