Rinnovato protocollo tra Regione Sardegna e CONAI

4 maggio 2016
notizie  |  Protocollo, Regione, Sardegna

Rifiuti, firmato protocollo di intesa tra la Regione Sardegna e CONAI per aumentare raccolta differenziata e avvio a riciclo

Cagliari, 4 maggio 2016È stato siglato oggi dall’assessore della Difesa dell’Ambiente della Regione Sardegna, Donatella Spano, e dal responsabile dell’Area Rapporti con il territorio di Conai, Luca Piatto, il Protocollo di Intesa per aumentare i livelli qualitativi e quantitativi della raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio – in acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro.

LA REGIONE. “Stiamo perseguendo l’obiettivo di creare un’economia circolare, in linea con la normativa europea. L’intesa sottoscritta con il consorzio Conai ci permette di migliorare ulteriormente le performance regionali in termini di quantità e soprattutto qualità dei rifiuti di imballaggi raccolti in via differenziata. Inoltre, attraverso l’esperienza maturata dal Consorzio in altre realtà regionali, effettueremo il monitoraggio dell’intero percorso dei rifiuti: in un’ottica di trasparenza i cittadini sapranno in cosa si traduce il loro sforzo di differenziare”, ha dichiarato l’assessore Spano.

IL CONSORZIO. “Con la sigla del Protocollo si rinnova lo spirito di collaborazione che caratterizza i rapporti tra Conai e Regione, sin dal primo accordo che risale al 2003. Questa collaborazione ha contribuito allo sviluppo di un’efficace sistema di gestione dei rifiuti di imballaggio garantendo alla Sardegna performance di intercettazione pro-capite in linea con le migliori realtà del Nord Italia – afferma Luca Piatto, responsabile Area Rapporti con il Territorio di Conai – Con questo nuovo protocollo, Conai ed il sistema consortile, continueranno a confrontarsi con l’amministrazione regionale per sviluppare iniziative utili ad incrementare quantità e qualità delle raccolte differenziate restituendo così ai cittadini il vero valore della raccolta differenziata.

I DATI. Nel 2015 in Sardegna sono tati conferiti ai Consorzi di Filiera del sistema Conai 110.201 tonnellate di rifiuti di imballaggio (+ 2% rispetto al 2014), pari ad una raccolta differenziata pro-capite di 79,4 Kg/ab, per un totale di 13.968.000 euro riconosciuti alle amministrazioni comunali, con un incremento di oltre 2,3 milioni di euro rispetto al 2014. Secondo una stima di Conai, la Sardegna potrebbe aumentare di ulteriori 70 mila tonnellate le quantità di rifiuti di imballaggio da avviare a recupero e riciclo con un incremento di 7,5 milioni di euro in termini di corrispettivi per le amministrazioni comunali.

IL MONITORAGGIO. Con la firma del Protocollo prosegue il percorso di confronto tra Regione, Conai e Consorzi di filiera, grazie al quale si potrà monitorare l’intero percorso dei rifiuti: dalla raccolta urbana alla fase finale di recupero e/o riciclo e conseguente trasformazione in materia prima seconda per rientrare nel ciclo produttivo industriale. Il Protocollo impegna le parti nel promuovere l’attività di comunicazione e diffusione dei dati di effettivo recupero e riciclo dei rifiuti, spostando l’attenzione dalla raccolta al riciclo, in linea con quanto prevede la normativa comunitaria.

PIÙ QUALITÀ. Inoltre è prevista la possibilità di individuare aree pilota per sperimentare iniziative tese a migliorare le performance della raccolta differenziata al fine di assicurare maggiore qualità ai materiali differenziati ed aumentare le potenzialità di riciclo. Per coordinare le attività dell’Accordo, sarà creato un tavolo tecnico costituito da rappresentanti di Conai, dei Consorzi di filiera, Regione, Arpa, Province e Anci. CONAI, per il tramite dei Consorzi di Filiera, garantirà il ritiro e l’avvio a riciclo dei rifiuti di imballaggio raccolti per i comuni e/o gli enti gestori – da questi ultimi delegati – che aderiscono volontariamente alle convenzioni, riconoscendo i corrispettivi previsti dall’Accordo Quadro Anci Conai 2014-2019.