Dubbi i dati sul riciclo dei metalli nel Regno Unito

17 aprile 2015
notizie  |  metalli, Regno Unito

Gli obiettivi di riciclo per gli imballaggi di acciaio e alluminio nel Regno Unito si basano su dati inesatti, a quanto riferisce un recente rapporto di Wrap, Waste & Resource Action Program, agenzia che si occupa della gestione dei rifiuti e delle risorse nel paese, in collaborazione con il ministero dell’ambiente.

In un recente studio sono stati presi in esame i dati riguardanti le quantità di imballaggi di alluminio e acciaio immessi sul mercato nel 2012 e 2013, dati pubblicati dal ministero dell’ambiente Defra (Department for Environment, Food & Rural Affairs). È emerso che il volume degli imballaggi d’alluminio è stato sottovalutato, mentre quello degli imballaggi di acciaio è stato sopravvalutato.

Secondo le migliori stime ottenibili da dati di dominio pubblico, la quantità di imballaggi di acciaio immessa sul mercato sarebbe stata pari a 524.000 tonnellate nel 2012 e 529.000 tonnellate nel 2013.

Nel 2012 la quantità di acciaio lavorata da riciclatori accreditati ammontava a 358.000 tonnellate, che corrisponderebbero a un tasso di riciclo del 68%. Altre 9.000 tonnellate sarebbero state trasformate da operatori non accreditati, portando il tasso di riciclo al 70%.

Il volume degli imballaggi di alluminio immessi sul mercato è valutato in 178.000 tonnellate per il 2012 e 174.000 tonnellate per il 2013. La quantità di tali imballaggi lavorata da riciclatori accreditati era pari a 62.000 tonnellate nel 2012, per un tasso di riciclo del 35%. Includendo anche 19.000 tonnellate trasformate da operatori non accreditati, il tasso raggiungerebbe il 46%.

In ogni caso, gli autori del rapporto concludono che nel 2012 è stato superato l’obiettivo fissato dall’Ue, cioè un tasso di riciclo del 50% per gli imballaggi metallici.