Dagli USA previsioni per il mondo del riciclo 2015

26 febbraio 2015
notizie  | 

In un recente articolo apparso su una rivista di settore negli Stati Uniti, l’associazione di categoria National Waste & Recycling Association ha formulato alcune previsioni sul possibile andamento del mercato del riciclo nel 2015.

Secondo l’autore, la debolezza dei mercati della carta riciclata permarrà anche quest’anno. Negli ultimi sei mesi, i prezzi della carta riciclata sono diminuiti, a causa dell’indebolimento dell’economia cinese. Un altro fattore che ha contribuito a questo risultato è stata l’espansione troppo rapida di molte cartiere cinesi, che si ritrovano a operare all’80-85% della propria capacità. Data la domanda ridotta dei loro prodotti finiti, non possono permettersi di pagare prezzi elevati per la carta. Ciò può rappresentare un vantaggio per le cartiere americane che utilizzano carta riciclata, ma è un problema per i riciclatori e gli esportatori.

Anche i mercati della plastica di riciclo potrebbero ritrovarsi in difficoltà. Il calo del prezzo del petrolio comporta infatti anche un calo dei prezzi della resina di polietilene. Finora l’impatto sui prezzi di Hdpe e Pet di riciclo è stato minimo, ma la situazione potrebbe cambiare.

I volumi dei materiali riciclati continueranno a diminuire nel 2015. La carta rimane il materiale più riciclato, ma l’utilizzo di carta stampata è diminuito di 19 milioni di tonnellate, dopo aver raggiunto un picco nel 2002. La continua riduzione del peso degli imballaggi, inoltre, comporta anche una riduzione del tonnellaggio complessivo dei materiali riciclati.

Le industrie di vari settori si stanno impegnando sempre di più per raggiungere l’obiettivo “rifiuti zero”. Ciò rappresenta un beneficio ambientale, in termini di risparmio di risorse e di un minore ricorso allo smaltimento in discarica, ma allo stesso tempo significa anche una riduzione della quantità di materiali riciclati.