CONAI presenta il primo rapporto di sostenibilità

20 maggio 2014
notizie  |  Benefici, Bilancio, Green Economy, Rapporto, Sostenibilità

Il Rapporto di sostenibilità 2013 del Consorzio Nazionale Imballaggi è, al contempo, primo Green Economy Report in Italia e primo Rapporto a recepire i nuovi standard internazionali
del Global Reporting Initiative (GRI-G4).

Il primo Rapporto di sostenibilità di CONAI è stato presentato oggi a Roma dal Presidente CONAI, Roberto De Santis e da Edo Ronchi, Presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile. All’incontro hanno partecipato Barbara Degani – Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare,  Aldo Di Biagio – Vice Presidente Commissione Territorio, ambiente, beni ambientali del Senato della Repubblica e Massimo Beccarello – Vice Direttore Politiche per lo Sviluppo, Energia e Ambiente di Confindustria.

Il Rapporto CONAI applica lo standard internazionale Global Reporting Initiative di ultima generazione (GRI-G4): attraverso il coinvolgimento diretto degli stakeholder sono stati identificati sei indicatori ritenuti chiave per definire le performance ambientali, sociali ed economiche di Conai. Il Rapporto, inoltre, è stato elaborato adottando un radicale cambiamento di prospettiva, ovvero rendicontando le performance a tre diversi livelli funzionali: a livello di organizzazione (impatto delle attività, degli uffici e dei dipendenti), a livello di Sistema (attività connesse al sistema dei consorzi COMIECO, CIAL, COREPLA, COREVE, RILEGNO, RICREA) e, infine, a livello di industria del riciclo (gli attori impegnati nel settore riciclo degli imballaggi, compresi i gestori indipendenti). Elaborato in collaborazione con la Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, è nato così il primo “Green Economy Report” targato CONAI, il più grande consorzio in Europa con 1,1 milione di aziende iscritte.

IN 15 ANNI SONO STATI EVITATI: LA COSTRUZIONE DI ALMENO 100 DISCARICHE, IL CONSUMO DI 350 MILIARDI DI KWH E L’EMISSIONE IN ATMOSFERA DI 125 MILIONI DI TONNELLATE DI CO2.
In 15 anni di attività del Sistema, la quota di imballaggi conferiti in discarica è passata da oltre due terzi a meno di un quarto; quella recuperata è passata dal 33% al 76,4%, evitando la costruzione di almeno di 100 discariche. Le tonnellate di rifiuti di imballaggio avviati a recupero nel 2012 sono state 8,6 milioni.
CONAI ha superato, fin dal 2004, l’obiettivo fissato dalla normativa europea in materia di recupero e, grazie alla filiera del riciclo, nel 2012 sono stati re-immessi nel ciclo produttivo 7,5 milioni di tonnellate di materie prime derivanti da rifiuti di imballaggio. Il target del 55% di riciclo, previsto per il 2008, è stato raggiunto nel 2005 e si è attestato al 67% nel 2012. In termini di percentuale di riciclo, gli imballaggi in plastica hanno raggiunto il 37%, quelli in legno il 55%, quelli in alluminio il 59%, il vetro supera il 70%, l’acciaio il 75% e la carta l’85%.

Per il riciclo dei rifiuti di imballaggio, le previsioni al 2015 stimano un tasso medio di crescita annua di circa 1,5% con l’obiettivo di avviare a riciclo 7,7 milioni di tonnellate di rifiuti di imballaggio raggiungendo un tasso di riciclo del 67,4%. Grazie al riciclo degli imballaggi, i kwH risparmiati in 15 anni sono stati 350 miliardi, un valore superiore alla domanda complessiva annuale di energia in Italia, così come 125 milioni sono state le tonnellate di emissioni di CO2 evitate.

INVESTI 1 E NE RICAVI 3: DAL 1997 A OGGI PER OGNI EURO INVESTITO NEL SISTEMA CONAI, L’INTERO SISTEMA PAESE HA OTTENUTO BENEFICI PER 3 EURO.
Secondo la ricerca commissionata alla società Althesys, a fronte dei 4,1 miliardi di euro di contributi versati dalle aziende consorziate, il recupero degli imballaggi dei sei materiali ha prodotto 15,2 miliardi di euro di benefici per il Paese: 5,3 miliardi i costi di smaltimento evitati, 1,5 miliardi i costi di emissioni di CO2, 2,4 miliardi il valore delle materie prime seconde recuperate tramite la raccolta differenziata, 535 milioni i costi evitati grazie alla prevenzione, 5,4 miliardi il valore dell’indotto della filiera raccolta e recupero. L’analisi costi-benefici presenta costi stimati in circa 4,1 miliardi di euro e benefici pari a circa 15,2 miliari. Il saldo netto è, dunque, di circa 11,1 miliardi di euro, destinato a crescere nei prossimi anni grazie anche alle buone prospettive di aumento dei volumi di materiali raccolti nelle aree in ritardo e agli interventi nel campo della prevenzione dei rifiuti di imballaggio.

MATERIE PRIME SECONDE: -30 MILIONI DI BARILI DI PETROLIO, +300 MILIONI DI ALBERI, – 111 MILIONI DI METRI CUBI D’ACQUA. E NON SOLO.
Proprio in un’ottica di “prevenzione” della riduzione dell’impatto ambientale degli imballaggi, CONAI ha focalizzato l’attività sulla prevenzione presso le imprese dell’approccio dalla culla alla culla, con l’obiettivo di risparmiare materie prime, riutilizzare gli imballaggi, usare materiale riciclato, ottimizzare la logistica, facilitare le attività di riciclo e semplificare gli imballaggi. Ciò ha permesso di ottenere  risultati significativi.
Gli imballaggi in plastica (circa il 18% sul totale dell’immesso al consumo nel 2012) hanno visto diminuire progressivamente il proprio peso unitario: fino al 50% per le bottiglie di PET con contestuale aumento della percentuale di materia riciclata  dal 10 al 30%. Anche per gli imballaggi in vetro (19% sul totale) la diminuzione del peso è stata del 20-30%. Analogo risultato per la carta (38% dell’immesso): il peso del cartone ondulato, ad esempio, è sceso
del 7%. Gli imballaggi in acciaio (4%) hanno avuto riduzioni di peso del 15% mentre una lattina di alluminio pesa oggi il 33% in meno. Non solo riduzione di peso, variabile a seconda della destinazione d’uso dell’imballo, ma anche riutilizzo e rigenerazione: nel 2013 sono state rigenerate 450 mila tonnellate di pallet in legno, che rappresentano oltre i due terzi degli imballaggi legnosi in circolazione.
Grazie alla re-immissione nel ciclo produttivo della materia prima seconda si evita inoltre il consumo di materie vergini. Grazie al sistema di riciclo è stato possibile risparmiare quasi 30 milioni di barili di petrolio, evitare il taglio di 300 milioni di alberi, risparmiare 1,5 milioni di tonnellate di sabbia, evitare il consumo di 43 milioni di tonnellate di materiali ferrosi e di 1.775 tonnellate di bauxite. Oltre a 111 milioni di metri cubi d’acqua solo nel 2012.

OCCUPAZIONE IN CRESCITA.
Da un punto di vista occupazionale, le aziende del riciclo made in Italy sono oggi 1.400, con un fatturato di 9,5 miliardi di euro. Nell’ambito dell’industria del riciclo, il Sistema consortile ha generato un indotto economico di 6,3 miliardi di euro, frutto della maggiore occupazione generata (attività di raccolta differenziata, avvio del Sistema, logistica, attività di selezione e riciclo degli imballaggi). Nella gestione dei rifiuti si stimano quasi 150.000 addetti: il solo indotto del sistema di raccolta e riciclo degli imballaggi ha creato, al 2012, almeno 160.000 nuovi posti di lavoro cui si aggiungono gli addetti (circa 21.000) dell’industria del riciclo a valle delle attività dei consorzi. Raccolta e riciclo dei rifiuti di imballaggio impiega circa 37.000 unità, più del doppio rispetto al 2003.

LA SOSTENIBILITÀ DELL’ORGANIZZAZIONE: 6 INDICATORI PER MISURARE LE PERFORMANCE DI CONAI.
Per valutare  gli impatti ambientali, economici e sociali dell’organizzazione CONAI sono stati analizzati sei indicatori: produzione dei rifiuti, emissione gas serra, creazione di reddito e occupazione, supporto alle comunità svantaggiate, genere, coinvolgimento comunità locali.
Tra il 2010 e il 2012 la produzione di rifiuti interna all’organizzazione si è ridotta del 29%, così come del 21% si sono ridotte le emissioni di CO2 derivanti da minori consumi di energia e dalla riconversione da aereo a treno come principale vettore nei viaggi di lavoro. Nel 2012 il valore economico  generato direttamente da CONAI e utilizzato per gli scopi previsti dalla mission del Consorzio, ammonta a 47,5 milioni di euro e nel triennio 2010-2012 oltre 3 milioni di euro sono stati spesi in progetti di pubblica utilità.